IMMAGINE: PRIMA DEL CANCRO

La   mia   immagine   prima   del   cancro    non   era   molto   valorizzata   perchè   nella   mia   testa   mi   vedevo   piena   di   difetti   (ma   chi   non   ne   ha?).   Avrei   desiderato   caviglie sottili,   naso   delicato   e   gli   occhi   cerulei   di   mio   padre,   piuttosto   che   quelli   castani   di   mia   madre.   Un   elenco   infinito   di   “pezzi   da   cambiare”   a   causa   di   una   mancata   autostima.    Cosa   mostravo   di   me?   Non   molto   perchè   ho   sempre   avuto   la   tendenza   a   farmi   notare   il   meno   possibile   e   a   preferire   un   abbigliamento   pratico   e comodo.    Non   ho   mai   inseguito   le   mode   e   non   sono   mai   stata   quella   del   “tacco12”.   Mi   piacevo?   Poco.   Pensavo   di   essere   attraente   e   desiderabile?   Per   nulla. Certo,   ogni   tanto   si   andava   dal   parrucchiere,   ogni   tanto   si   andava   dall’estetista   e   ogni   tanto   ci   si   truccava   pure,   ma   non   partivo   da   una   condizione   ottimale   per essere   sicura   del   mio   aspetto   fisico.   Soprattutto   se   avevi   anche   la   percezione   inconscia   che   il   tuo   “fidanzato”   di   allora   occheggiasse   troppo   spesso   le   gonne svolazzanti delle altre donne.

LA PERCEZIONE DI QUELLO CHE SEI

A   prescindere   da   quel   che   gli   altri   pensano,   dicano,   o   ti   facciano   intuire,   l’importante   è   stare   bene   con   sè   stesse ,   con   la   propria   immagine   estetica   e   l’idea   di immagine   che   abbiamo   della   nostra   persona.   In   un’era   di   molta   apparenza   e   poca   sostanza   è   sicuramente   un   compito   difficile   e   impegnativo,   ma   dobbiamo   far pace   con   noi   stesse   per   poter   interagire   al   meglio   con   gli   altri.   Appunto   perchè   si   gioca   molto   con   l’apparenza,   apparire   come   pensiamo   di   voler   essere   potrebbe   aiutarci.   Mi   spiego   meglio.   Pensare   di   essere   belle   e   attraenti   e   convincerci   di   questo,   ci   darà   molta   più   sicurezza   e,   di   consenguenza,   interagiremo   con gli   altri   in   un   altro   modo.   Il   mondo   delle   relazioni   con   gli   altri,   in   genere,   è   un   gioco   di   specchi:   basta   dare   il   riflesso   giusto.   Questo   non   vuol   dire   snaturarsi radicalmente   dalla   propria   indole:   l’importante   è   prendersi   cura   di   sè   per   quel   che   reputiamo   possa   farci   stare   bene.   Può   essere   un   taglio   di   capelli,   un   nuovo vestito   o   un   bagno   rilassante.   Cambia   se   vuoi   cambiare   e   se   pensi   che   cambiare   possa   farti   stare   bene.   Abbigliamento,   trucco   e   taglio   di   capelli   possono   fare miracoli (a volte)!
MENU
SOCIAL
SITI AMICI lorem ipsum
CONTATTI lorem ipsum
Copyright 2018
     

FOTOGRAFIE DA RICORDARE

PRIMA E DOPO: MAI PARAGONARE  Inevitabile lo spartiacque del: “Questa foto l’ho fatta prima dell’intervento”. Bene, vuol dire che ci sei arrivata. E le foto dopo l’intervento? Ancora meglio, perchè vuol dire che avrai altri giorni da vivere e momenti piacevoli che meritano di essere ricordati e immortalati.  Stipate in cantina (o in un hard disc, o chiavetta) soltanto quel che non vi permette di andare avanti.
  

LA PERCEZIONE DEGLI ALTRI

“TI TROVO BENE!”  Chissà quante volte te l’avranno detto e chissà quante volte non era vero. Lo dicono per il tuo bene, perchè così tu possa sentirti meglio, anche se ti senti una schifezza perchè hai la nausea da chemio e sei più pallida di un lenzuolo! Quindi, accetta i complimenti, sempre, di qualunque natura. Perchè arrabbiarsi o rimanere male per un complimento?
LA NUOVA VITA

IMMAGINE

HOME ALIMENTAZIONE ATTIVITA' FISICA FARMACI E NATURA PSICOLOGIA IMMAGINE YOGA E MEDITAZIONE BLOG   
“Gli specchi dovrebbero pensare più a lungo prima di riflettere” - Jean Cocteau

IMMAGINE: DOPO IL CANCRO

Dopo   il   cancro   e   dopo   la   chemioterapia   fai   i   conti   con   te   stessa:   ti   chiedi   se   potrai   essere   desiderabile   per   un   uomo   anche   con   una   protesi.   Ti   chiedi   se, mettendo un costume, si noterà la differenza tra un seno e l’altro. Ti chiedi quanto tempo ci metteranno i tuoi capelli a diventare di nuovo lunghi come prima. Quello   che   si   può   fare   e   si   deve   fare   è   focalizzarci   su   ciò   che   abbiamo ,   più   che   su   quello   che   non   abbiamo   o   che   abbiamo   perso,   e   valorizzarlo.   Dopo   cure   e terapie   il   nostro   corpo   ha   bisogno   di   essere   disintossicato ,   così   come   la   nostra   pelle.   Prendetevene   cura   con   massaggi   a   base   di   olio   naturale,   fate   una pulizia   del   viso,   anche   casalinga,   pediluvi   con   sale   o   bicarbonato.   Riprendete   pieno   possesso   di   tutte   le   parti   di   voi   che   stanno   bene   e   valorizzatele.   Ma prendetevi   maggior   cura   delle   vostre   cicatrici,   accettatele   e   vogliate   bene   anche   a   loro ,   perchè   grazie   a   loro   siete   ancora   qui,   a   testimonianza   che   ce l’avete fatta. Se non vi volete truccare non lo fate, se volete cambiare aspetto fatelo. Tutto dipende da voi, da come vi sentite e da cosa vi fa stare bene. Personalmente   non   ho   cambiato   molto   di   me:   mi   trucco   se   ho   tempo   (e   nanche   tanto)   e   nella   vita   di   tutti   i   giorni   preferisco   la   comodità   di   Jeans   e   scarpe   da ginnastica   (quando   posso).   Quel   che   un   po’   ho   cambiato   è   la   percezione   di   quel   che   sono :   vado   bene   così   perchè   è   così   che   ora   sono,   con   i   miei   difetti   e   i   miei pregi.   Ma   non   trascuratevi,   perchè   la   trascuratezza   porta   alla   tristezza.   La   trascuratezza   è   non   volersi   bene.   Dovete   volervi   bene,   molto   più   di   prima,   dopo quello   che   avete   affrontato   e   passato.   Solo   voi   potete   volervi   bene   più   di   quanto   possano   fare   gli   altri.      Una   cosa   dovete   sempre   indossare   quando   uscite:   un bel sorriso!

IL CORAGGIO DI GUARDARSI

Dopo   la   mastectomia,    a   5   giorni   dall’intervento,   passai   nelle   mani   della chirurga   estetica   per   controllare   protesi,   ferita   e   drenaggi.   Ero   bendata tipo   mummia   nella   parte   toracica   e   a   luglio   proprio   non   era   un   gran   bel piacere.   Dopo   essere   stata   sbendata   e   lasciata   a   me   stessa   per   qualche minuto,   presi   coraggio   e   mi   guardai,   ma   solo   per   qualche   secondo.   Sarà stato   l’effetto   dell’anestesia   o   dei   vari   farmaci,   ma   non   pensai,   nè   provai nulla,   in   quel   momento.   Non   pensai   a   quel   che   non   c’era   più,   non   pensai   a quel   che   avevo   passato   e   che   dovevo   ancora   passare.   Mi   sentivo   solo leggera   e   svuotata   di   una   preoccupazione   che   in   3   mesi   aveva   sconvolto   e cambiato la mia vita. La    difficoltà    venne    più    avanti:    ci    misi    parecchi    mesi    prima    di guardarmi    veramente ,    e    guardarmi    senza    piangere.    Altrettanti    per lavarmi senza avere il magone. Fu   un   supplizio   anche   la   sostituzione   dei   cerotti   sulla   cicatrice,   perchè   mi costringeva    a    voler    fare    i    conti    con    una    realtà    che    ancora    non    volevo considerare:   il   mio   corpo   per   come   lo   conoscevo   io   era   cambiato,   e   non sarebbe più stato lo stesso. Mi   focalizzavo   solo   sulla   ripresa   funzionale,   senza   tenere   conto   del   mio corpo a livello estetico, perchè ancora non ero pronta. E   non   fui   pronta   neanche   quando   ripresi   ad   andare   in   piscina,   non   fui pronta   davanti   agli   specchi,   non   fui   pronta   negli   spogliatoi   guardando le    altre    donne .    Non    vuoi    osservarti    e    non    vuoi    essere    osservata.    Ti nascondi e trattieni quel naturale istinto di voler piangere. Ma   ero   viva,   l’intervento   era   andato   bene   e   i   controlli   erano   positivi.   Ci voleva solo tempo. Il giusto tempo di accettazione. Fate   quel   che   vi   sentite   di   fare   e   assecondate   i   vostri   tempi.   Se   non   riuscite a   guardarvi   non   fatelo.   Se   vi   guardate   e   vi   viene   da   piangere,   fatelo.   Se volete   urlare   o   spaccare   qualcosa   fatelo.   Ma   ricordate   che   siete   ancora vive   e   che   se   iniziate   a   guardarvi,   inizia   l’accettazione   di   voi   stesse   e del   vostro   nuovo   corpo,   che   sarà   solo   diverso,   nè   migliore   o   peggiore di prima.

LA TUA IMMAGINE CAMBIA

Finalmente   ce   l’hai   fatta.    Sei   li   e   ti   guardi   senza   piangere.   Sei   li   e   riesci   a notare   le   differenze   tra   quello   che   c’era   prima   e   quello   che   c’è   adesso.   La cellulite, i peli superflui, il naso storto neanche li vedi. Guardi   solo   la   cicatrice   della   tua   battaglia   e   una   protesi   che   fa   parte   del tuo corpo.   E’   stata   accolta   come   un   nuovo   ospite   che   è   li   per   aiutarti   a   ritrovare qualcosa che hai perso e ti mostrerà un’alternativa. Ti   mostrerà   un’ alternativa   al   cambiamento   della   percezione   della   tua immagine. Sei cambiata, è un dato di fatto . ACCETTALO. Ma   accettalo   positivamente.   Ognuno   di   noi   cambia   ogni   anno.   Ogni   nostra cellula     si     rigenera.     Ma     ne     abbiamo     poco     la     percezione     se     non confrontandoci con le vecchie fotografie. E’   cambiata   la   tua   espressione,   forse   è   cambiata   anche   la   tua   postura.   E forse   la   chemioterapia   ha   cambiato   ancora   il   tuo   corpo,   la   tua   pelle,   i   tuoi capelli.   L’esperienza   e   ciò   che   stai   attraversando   cambia   anche   quello   che hai dentro, le tue priorità, il tuo carattere, i tuoi sentimenti. Magari non ti riconosci. Magari ti vedi diversa: è giusto che sia così. ACCETTA UN CAMBIAMENTO CHE NON DIPENDE DA TE. Accetta   il   tuo   corpo   nella   sua   interezza,   ma   soprattutto   sii   fiera   del tuo corpo e di tutto quello che ha sopportato e sta sopportando . Stai   attraversando   continue   tempeste   in   mare   con   la   sensazione   di   non avere   l’equipaggiamento   adatto,   ma   con   la   determinazione   di   arrivare   a tutti costi sulla terraferma, in un modo o nell’altro. Probabilmente   ti   senti   indifesa   e   vulnerabile   e   cerchi   di   proteggere   la   parte più   debole   di   te   stessa.   E’   la   parte   che   ha   bisogno   di   maggiori   cure   e attenzioni.   Non   sarà   sempre   così,   perchè   la   parte   indifesa   si   riprenderà   e   riuscirai   a   fare   tutto   quello   che   prima   davi   per   scontato   e   che   adesso sembra   irraggiungibile.   Certo,   sarebbe   stato   sicuramente   meglio   che   tutto questo    non    fosse    capitato.    Ma    il    passato    non    possiamo    cambiarlo . Possiamo   concentrarci   di   vivere   bene   un   presente   per   costruire   un futuro che ci renda ancora più felici.

IN UN MONDO (IM)PERFETTO…

LA MENTE CURA LA TUA IMMAGINE

…Siamo tutti perfetti con le nostre imperfezioni. In   un   mondo   basato   molto   sull’apparenza   e   poco   sulla   sostanza,   sembra sia    inevitabile    mostrarsi    fisicamente    perfetti.    Ogni    nostro    difetto    è    da nascondere   o   cambiare   secondo   le   mode   del   momento   e   per   noi   donne   il giudizio sembra ancora più severo. Ma,   se   ci   facciamo   caso,   gli   standard   fisici   sono   come   un   vestito   che   poi passa   di   moda:   una   donna   negli   anni   ‘50   e   ‘60   era   considerata   attraente   se era formosa, mentre negli anni ‘70 era vero il contrario. La donna non è libera di avere i capelli bianchi, invece l’uomo si, perchè? Perchè la donna con i capelli bianchi è vecchia e l’uomo affascinante? Perchè    siamo    invasi    da    stereotipi    che    ci    condizionano    la    vita    e,    più seguiamo questi stereotipi, più li rafforziamo. Una   donna   non   è   più   o   meno   femminile   se   indossa   i   tacchi   o   le   scarpe   da ginnastica, o meno attraente perchè senza seno, o braccia, o gambe. Ognuno   è   perfetto   con   le   proprie   imperfezioni   fisiche   ed   estetiche   e ci      sarà      sempre      qualcuno      che      andrà      oltre      a      quello      che apparentemente mostriamo. Perchè scrivo tutto questo? Perchè   quando   fate   fatica   ad   accettarvi,   quando   cercate   di   ricomporre   i pezzi   della   vostra   esistenza,   NON   DOVETE   FARVI   SCORAGGIARE   da   mariti insensibili   che   si   fanno   l’amante   o   da   fidanzati   che   vi   lasciano   perchè   non gli piacete più fisicamente. MEGLIO   PER   VOI.   Chiedete   il   divorzio   e   continuate   la   vostra   vita.   Voi   siete molto di più e se non lo vedono è un problema loro e non vostro. Inoltre,   valutate   da   che   pulpito   viene   la   critica:   a   meno   che   vostro   marito,   o fidanzato,      non   sia   un   sosia   di   Paul   Newman   o   Raul   Bova   (il   che   dubito fortemente),   è   una   critica   decostruttiva,   che   cresce   solo   se   voi   le   date importanza. Personalmente   ero   fidanzata   con   un   ragazzo   piuttosto   in   sovrappeso   e non   gli   ho   mai   fatto   pesare   (è   il   caso   di   dirlo)   la   situazione.   Beh,   lui   non   ci ha pensato due volte a dirmi che non provava più attrazione per me. Una   gran   bella   botta   di   incoraggiamento   per   la   mia   immagine   dopo   una mastectomia   e   una   terapia   chemioterapica.   Proprio   quello   che   tutte   le donne aspettano di sentirsi dire. Ma va bene così. Vogliatevi bene.
Il    vostro    stato    d’animo    influisce    sulla    vostra    immagine :    tristezza    e preoccupazioni    fanno    male    ai    nostri    organi    e    alle    nostre    cellule    e,    di conseguenza, anche alla nostra pelle. Se     poi     ci     mettiamo     il     carico     di     tutte     le     terapie     oncologiche      e farmacologiche,    il   gonfiore   e   il   colorito   cadaverico,   per   un   periodo   di tempo    indefinito,    potrebbero    essere    parte    della    vostra    quotidianità appena vi guardate allo specchio. Quel    che    posso    dirvi    è    che    sarà    solo    una    fase    transitoria.    Pensate    a quando    starete    bene    e    ritornerete    con    i    vostri    colori    naturali    e    vi sgonfierete.   La   cura   è   per   il   vostro   bene.   Tutto   quello   che   state   facendo   è per il vostro bene. Non   abbiate   rancore   o   risentimento,   perchè   non   vi   aiutano.   Fate   pace con voi stesse e prendetevi cura di voi. Dentro e fuori . Andate   poco   oltre   i   vostri   blocchi.   Ma   soprattutto   i ndividuate   ciò   che   vi fa stare bene e quel che vi piace fare . Se non avete voglia di uscire, sforzatevi a fare un giro dell’isolato. Non   ve   la   sentite   di   mangiare?   Bevete   un   tè,   dei   frullati   di   frutta   o   dei passati di verdura. Andate sempre oltre, poco per volta. Non    avete    proprio    nessuna    voglia    di    truccarvi?    Chiamate    un’amica iperfissata:   sarà   ben   lieta   di   farlo!   E   soprattutto   potrà   allietarvi   con   la   sua compagnia. Se proprio non ce la fate, provate a chiudere gli occhi e svuotare la mente. Certo   non   è   semplice,   anzi   è   molto   difficile.   I   pensieri   sono   continui   perchè il nostro cervello lavora sempre, anche quando dorme. Concentratevi   su   pensieri   positivi,   su   ricordi   piacevoli   e   su   immagini neutre:    un    tramonto,    un    fiore,    un    paesaggio.    Abbinatela    a    una respirazione     profonda:     inspirate     ed     espirate     profondamente     e lentamente dal naso. Se    tornano    pensieri    negativi,    tristezza    o    ansia,    non    contrastateli    ma lasciateli   tornare.   Siate   distaccati   da   essi   e   tornate   a   concentrarvi   sui   vostri pensieri e ricordi positivi. Se non riuscite, ripensate al fiore o al panorama. Rendete   piacevole   il   vostro   presente   con   i   bei   ricordi,   se   non   riuscite,   per   il momento, a vivere bene il vostro presente.

Per saperne di più andate al blog!

IMMAGINE DURANTE LA CHEMIOTERAPIA: I CAPELLI

Quando   mi   comunicarono   che   avrei   dovuto   fare   anche   chemioterapia,   l’ultima   cosa   a   cui   pensai   furono   i   capelli.   Primo   perchè   è   l’effetto   collaterale   più conosciuto   e   scontato   di   tutti.   Secondo   perchè   sono   sempre   stata   piena   di   capelli   che,   comunque,   sarebbero   ricresciuti.    Terzo   perchè   mi   focalizzai   sul   fatto   che sarebbero stati solo 3 cicli a distanza di 21 giorni e solo per una ulteriore sicurezza: con l’intervento, per i medici, io ero guarita al 95%. L’oncologa   mi   consigliò   però   di   tagliarmi   i   capelli   corti,   più   corti   che   potevo .   Non   li   tagliavo   così   corti   dall’adolescenza.   I   capelli   iniziai   a   perderli   quasi   subito, tra   il   primo   e   il   secondo   ciclo   di   chemioterapia.   Ed   è   vero   che   cadono   a   ciocche,   è   vero   che   li   lasci   sul   cuscino,   sui   vestiti   e   in   giro   per   casa.   Mi   sentivo   come   se stessi   facendo   la   muta.   Ma   avendo   parecchi   capelli   ancora   non   avvertivo   necessità   di   parrucche   o   copricapi,   anche   perchè   era   ancora   agosto.   Dopo   il   secondo ciclo   diventai   come   Smidol   de   “Il   Signore   degli   Anelli”,   sia   per   i   capelli   che   per   il   colorito   tendente   al   verdino.   L’idea   della   parrucca   non   mi   entusiasmava   perchè faceva   caldo   e,   conoscendomi,   non   l’avrei   di   certo   sopportata   a   lungo.   Così   optai   per   foulard   colorati,   che   un   buon   tutorial   su   you   tube   mi   insegnò   a   legare,   per essere   presentabile   anche   con   un   turbante   in   testa.   Un   appunto:   se   deciderete   di   mettere   il   foulard   invece   che   utilizzare   la   parrucca,   siate   consapevoli che   sarà   chiaro   a   tutta   la   collettività   quel   che   state   facendo:   chemioterapia   perchè   avete   (avuto)   un   cancro.   Beh,   fate   finta   di   niente.   Siate   libere   e leggere.    Sotto   il   turbante   o   la   parrucca   i   capelli   ricresceranno   e   saranno   veramente   più   forti   e   corposi   di   prima.   Potrebbero   anche   cambiare   colore   e potrebbero,   come   è   successo   a   me,   crescere   ricci.   Ciò   mi   colse   un   po’   impreparata.   Avendo   sempre   avuto   i   capelli   lisci   come   spaghetti   non   sapevo   proprio come   gestirli.   E   non   avevo   ovviamente   nessunissima   intenzione   o   forza   di   tagliare   quei   due   centimetri   faticosamente   guadagnati.   E   anche   lì   potreste   non riconoscere   la   vostra   immagine.   Tenerti   un   cespuglio   in   testa   non   è   sicuramente   di   aiuto,   così   sperimentai   nuove   acconciature   con   gel   e   fermagli.   Ma   il   tempo passa   e   i   capelli   crescono   molto   più   velocemente   di   quanto   si   pensi.   I   ricci   si   appesantiscono   e   lasciano   spazio   a   un   bellissimo   mosso   chemio   che   tutte   le donne vi invidieranno!    
“Noi non vediamo le cose nel modo in cui sono. Le vediamo nel modo in cui siamo” - Talmud
“L’aspetto esteriore è un meraviglioso pervertitore della ragione”  Marco Aurelio
MENU
SOCIAL
SITI AMICI Lorem Ipsum
CONTATTI Lorem Ipsum

FOTOGRAFIE DA

RICORDARE

PRIMA E DOPO: MAI PARAGONARE  Inevitabile lo spartiacque del: “Questa foto l’ho fatta prima dell’intervento”. Bene, vuol dire che ci sei arrivata. E le foto dopo l’intervento? Ancora meglio, perchè vuol dire che avrai altri giorni da vivere e momenti piacevoli che meritano di essere ricordati e immortalati.  Stipate in cantina (o in un hard disc, o chiavetta) soltanto quel che non vi permette di andare avanti.
  

LA PERCEZIONE DEGLI

ALTRI

“TI TROVO BENE!”  Chissà quante volte te l’avranno detto e chissà quante volte non era vero. Lo dicono per il tuo bene, perchè così tu possa sentirti meglio, anche se ti senti una schifezza perchè hai la nausea da chemio e sei più pallida di un lenzuolo! Quindi, accetta i complimenti, sempre, di qualunque natura. Perchè arrabbiarsi o rimanere male per un complimento?
  
LA NUOVA VITA

IMMAGINE: PRIMA DEL

CANCRO

La   mia   immagine   prima   del   cancro    non   era molto    valorizzata    perchè    nella    mia    testa    mi vedevo   piena   di   difetti   (ma   chi   non   ne   ha?). Avrei   desiderato   caviglie   sottili,   naso   delicato   e gli    occhi    cerulei    di    mio    padre,    piuttosto    che quelli   castani   di   mia   madre.   Un   elenco   infinito di   “pezzi   da   cambiare”   a   causa   di   una   mancata   autostima.    Cosa   mostravo   di   me?   Non   molto perchè   ho   sempre   avuto   la   tendenza   a   farmi notare    il    meno    possibile    e    a    preferire    un abbigliamento   pratico   e   comodo.    Non   ho   mai inseguito   le   mode   e   non   sono   mai   stata   quella del    “tacco12”.    Mi    piacevo?    Poco.    Pensavo    di essere    attraente    e    desiderabile?    Per    nulla. Certo,   ogni   tanto   si   andava   dal   parrucchiere, ogni   tanto   si   andava   dall’estetista   e   ogni   tanto ci    si    truccava    pure,    ma    non    partivo    da    una condizione   ottimale   per   essere   sicura   del   mio aspetto    fisico.    Soprattutto    se    avevi    anche    la percezione   inconscia   che   il   tuo   “fidanzato”   di allora    occheggiasse    troppo    spesso    le    gonne svolazzanti delle altre donne.
HOME ALIMENTAZIONE ATTIVITA' FISICA FARMACI E NATURA PSICOLOGIA IMMAGINE YOGA E MEDITAZIONE BLOG

LA PERCEZIONE DI QUELLO

CHE SEI

A   prescindere   da   quel   che   gli   altri   pensano,   dicano,   o   ti facciano   intuire,   l’importante   è   stare   bene   con   stesse ,   con   la   propria   immagine   estetica   e   l’idea   di immagine   che   abbiamo   della   nostra   persona.   In   un’era di   molta   apparenza   e   poca   sostanza   è   sicuramente   un compito   difficile   e   impegnativo,   ma   dobbiamo   far   pace con   noi   stesse   per   poter   interagire   al   meglio   con   gli altri.   Appunto   perchè   si   gioca   molto   con   l’apparenza, apparire   come   pensiamo   di   voler   essere    potrebbe aiutarci.   Mi   spiego   meglio.   Pensare   di   essere   belle   e attraenti    e    convincerci    di    questo,    ci    darà    molta    più sicurezza   e,   di   consenguenza,   interagiremo   con   gli   altri in   un   altro   modo.   Il   mondo   delle   relazioni   con   gli   altri, in   genere,   è   un   gioco   di   specchi:   basta   dare   il   riflesso giusto.   Questo   non   vuol   dire   snaturarsi   radicalmente dalla   propria   indole:   l’importante   è   prendersi   cura   di sè   per   quel   che   reputiamo   possa   farci   stare   bene.   Può essere    un    taglio    di    capelli,    un    nuovo    vestito    o    un bagno   rilassante.   Cambia   se   vuoi   cambiare   e   se   pensi che   cambiare   possa   farti   stare   bene.   Abbigliamento, trucco    e    taglio    di    capelli    possono    fare    miracoli    (a volte)!

IMMAGINE

Per saperne di più

andate al blog!

IMMAGINE: DOPO IL

CANCRO

Dopo   il   cancro   e   dopo   la   chemioterapia   fai   i   conti con   te   stessa:   ti   chiedi   se   potrai   essere   desiderabile per   un   uomo   anche   con   una   protesi.   Ti   chiedi   se, mettendo   un   costume,   si   noterà   la   differenza   tra   un seno   e   l’altro.   Ti   chiedi   quanto   tempo   ci   metteranno   i tuoi capelli a diventare di nuovo lunghi come prima. Quello   che   si   può   fare   e   si   deve   fare   è   focalizzarci su    ciò    che    abbiamo ,    più    che    su    quello    che    non abbiamo   o   che   abbiamo   perso,   e   valorizzarlo.   Dopo cure    e    terapie    il    nostro    corpo    ha    bisogno    di essere    disintossicato ,    così    come    la    nostra    pelle. Prendetevene    cura    con    massaggi    a    base    di    olio naturale,   fate   una   pulizia   del   viso,   anche   casalinga, pediluvi   con   sale   o   bicarbonato.   Riprendete   pieno possesso   di   tutte   le   parti   di   voi   che   stanno   bene   e valorizzatele.    Ma    prendetevi    maggior    cura    delle vostre     cicatrici,     accettatele     e     vogliate     bene anche   a   loro ,   perchè   grazie   a   loro   siete   ancora   qui,   a testimonianza   che   ce   l’avete   fatta.   Se   non   vi   volete truccare    non    lo    fate,    se    volete    cambiare    aspetto fatelo.   Tutto   dipende   da   voi,   da   come   vi   sentite   e   da cosa vi fa stare bene. Personalmente   non   ho   cambiato   molto   di   me:   mi trucco   se   ho   tempo   (e   nanche   tanto)   e   nella   vita   di tutti   i   giorni   preferisco   la   comodità   di   Jeans   e   scarpe da   ginnastica   (quando   posso).   Quel   che   un   po’   ho cambiato   è   la   percezione   di   quel   che   sono :   vado bene   così   perchè   è   così   che   ora   sono,   con   i   miei difetti   e   i   miei   pregi.   Ma   non   trascuratevi,   perchè   la trascuratezza   porta   alla   tristezza.   La   trascuratezza   è non   volersi   bene.   Dovete   volervi   bene,   molto   più   di prima,   dopo   quello   che   avete   affrontato   e   passato. Solo   voi   potete   volervi   bene   più   di   quanto   possano fare    gli    altri.        Una    cosa    dovete    sempre    indossare quando uscite: un bel sorriso!

IL CORAGGIO DI GUARDARSI

Dopo   la   mastectomia,    a   5   giorni   dall’intervento, passai    nelle    mani    della    chirurga    estetica    per controllare   protesi,   ferita   e   drenaggi.   Ero   bendata tipo    mummia    nella    parte    toracica    e    a    luglio proprio   non   era   un   gran   bel   piacere.   Dopo   essere stata   sbendata   e   lasciata   a   me   stessa   per   qualche minuto,   presi   coraggio   e   mi   guardai,   ma   solo   per qualche         secondo.         Sarà         stato         l’effetto dell’anestesia   o   dei   vari   farmaci,   ma   non   pensai, nè   provai   nulla,   in   quel   momento.   Non   pensai   a quel   che   non   c’era   più,   non   pensai   a   quel   che avevo   passato   e   che   dovevo   ancora   passare.   Mi sentivo      solo      leggera      e      svuotata      di      una preoccupazione   che   in   3   mesi   aveva   sconvolto   e cambiato la mia vita. La   difficoltà   venne   più   avanti:   ci   misi   parecchi mesi      prima      di      guardarmi      veramente ,      e guardarmi   senza   piangere.   Altrettanti   per   lavarmi senza avere il magone. Fu   un   supplizio   anche   la   sostituzione   dei   cerotti sulla   cicatrice,   perchè   mi   costringeva   a   voler   fare   i conti    con    una    realtà    che    ancora    non    volevo considerare:   il   mio   corpo   per   come   lo   conoscevo io    era    cambiato,    e    non    sarebbe    più    stato    lo stesso. Mi   focalizzavo   solo   sulla   ripresa   funzionale,   senza tenere    conto    del    mio    corpo    a    livello    estetico, perchè ancora non ero pronta. E   non   fui   pronta   neanche   quando   ripresi   ad andare   in   piscina,   non   fui   pronta   davanti   agli specchi,     non     fui     pronta     negli     spogliatoi guardando   le   altre   donne .   Non   vuoi   osservarti   e non   vuoi   essere   osservata.   Ti   nascondi   e   trattieni quel naturale istinto di voler piangere. Ma    ero    viva,    l’intervento    era    andato    bene    e    i controlli   erano   positivi.   Ci   voleva   solo   tempo.   Il giusto tempo di accettazione. Fate   quel   che   vi   sentite   di   fare   e   assecondate   i vostri    tempi.    Se    non    riuscite    a    guardarvi    non fatelo.    Se    vi    guardate    e    vi    viene    da    piangere, fatelo.    Se    volete    urlare    o    spaccare    qualcosa fatelo.   Ma   ricordate   che   siete   ancora   vive   e   che se   iniziate   a   guardarvi,   inizia   l’accettazione   di voi   stesse   e   del   vostro   nuovo   corpo,   che   sarà solo diverso, nè migliore o peggiore di prima.

LA TUA IMMAGINE CAMBIA

Finalmente   ce   l’hai   fatta.    Sei   li   e   ti   guardi   senza piangere.   Sei   li   e   riesci   a   notare   le   differenze   tra quello   che   c’era   prima   e   quello   che   c’è   adesso.   La cellulite,   i   peli   superflui,   il   naso   storto   neanche   li vedi. Guardi    solo    la    cicatrice    della    tua    battaglia    e    una protesi che fa parte del tuo corpo.   E’   stata   accolta   come   un   nuovo   ospite   che   è   li   per aiutarti    a    ritrovare    qualcosa    che    hai    perso    e    ti mostrerà un’alternativa. Ti   mostrerà   un’ alternativa   al   cambiamento   della percezione   della   tua   immagine.   Sei   cambiata,   è un dato di fatto . ACCETTALO. Ma   accettalo   positivamente.   Ognuno   di   noi   cambia ogni   anno.   Ogni   nostra   cellula   si   rigenera.   Ma   ne abbiamo   poco   la   percezione   se   non   confrontandoci con le vecchie fotografie. E’    cambiata    la    tua    espressione,    forse    è    cambiata anche   la   tua   postura.   E   forse   la   chemioterapia   ha cambiato   ancora   il   tuo   corpo,   la   tua   pelle,   i   tuoi capelli.    L’esperienza    e    ciò    che    stai    attraversando cambia   anche   quello   che   hai   dentro,   le   tue   priorità, il tuo carattere, i tuoi sentimenti. Magari   non   ti   riconosci.   Magari   ti   vedi   diversa:   è giusto che sia così. ACCETTA    UN    CAMBIAMENTO    CHE    NON    DIPENDE DA TE. Accetta    il    tuo    corpo    nella    sua    interezza,    ma soprattutto    sii    fiera    del    tuo    corpo    e    di    tutto quello che ha sopportato e sta sopportando . Stai   attraversando   continue   tempeste   in   mare   con la     sensazione     di     non     avere     l’equipaggiamento adatto,   ma   con   la   determinazione   di   arrivare   a   tutti costi sulla terraferma, in un modo o nell’altro. Probabilmente    ti    senti    indifesa    e    vulnerabile    e cerchi   di   proteggere   la   parte   più   debole   di   te   stessa. E’    la    parte    che    ha    bisogno    di    maggiori    cure    e attenzioni.   Non   sarà   sempre   così,   perchè   la   parte indifesa   si   riprenderà    e   riuscirai   a   fare   tutto   quello che   prima   davi   per   scontato   e   che   adesso   sembra irraggiungibile.    Certo,    sarebbe    stato    sicuramente meglio   che   tutto   questo   non   fosse   capitato.   Ma   il passato     non     possiamo     cambiarlo .     Possiamo concentrarci    di    vivere    bene    un    presente    per costruire    un    futuro    che    ci    renda    ancora    più felici.
“Noi non vediamo le cose nel modo in cui sono. Le vediamo nel modo in cui siamo” - Talmud

IN UN MONDO (IM)PERFETTO…

…Siamo tutti perfetti con le nostre imperfezioni. In   un   mondo   basato   molto   sull’apparenza   e   poco   sulla sostanza,   sembra   sia   inevitabile   mostrarsi   fisicamente perfetti.     Ogni     nostro     difetto     è     da     nascondere     o cambiare   secondo   le   mode   del   momento   e   per   noi donne il giudizio sembra ancora più severo. Ma,   se   ci   facciamo   caso,   gli   standard   fisici   sono   come un   vestito   che   poi   passa   di   moda:   una   donna   negli anni   ‘50   e   ‘60   era   considerata   attraente   se   era   formosa, mentre negli anni ‘70 era vero il contrario. La   donna   non   è   libera   di   avere   i   capelli   bianchi,   invece l’uomo si, perchè? Perchè    la    donna    con    i    capelli    bianchi    è    vecchia    e l’uomo affascinante? Perchè   siamo   invasi   da   stereotipi   che   ci   condizionano la     vita     e,     più     seguiamo     questi     stereotipi,     più     li rafforziamo. Una   donna   non   è   più   o   meno   femminile   se   indossa   i tacchi    o    le    scarpe    da    ginnastica,    o    meno    attraente perchè senza seno, o braccia, o gambe. Ognuno    è    perfetto    con    le    proprie    imperfezioni fisiche   ed   estetiche   e   ci   sarà   sempre   qualcuno   che andrà      oltre      a      quello      che      apparentemente mostriamo. Perchè scrivo tutto questo? Perchè     quando     fate     fatica     ad     accettarvi,     quando cercate    di    ricomporre    i    pezzi    della    vostra    esistenza, NON   DOVETE   FARVI   SCORAGGIARE   da   mariti   insensibili che   si   fanno   l’amante   o   da   fidanzati   che   vi   lasciano perchè non gli piacete più fisicamente. MEGLIO   PER   VOI.   Chiedete   il   divorzio   e   continuate   la vostra   vita.   Voi   siete   molto   di   più   e   se   non   lo   vedono   è un problema loro e non vostro. Inoltre,   valutate   da   che   pulpito   viene   la   critica:   a   meno che   vostro   marito,   o   fidanzato,      non   sia   un   sosia   di Paul   Newman   o   Raul   Bova   (il   che   dubito   fortemente),   è una   critica   decostruttiva,   che   cresce   solo   se   voi   le   date importanza. Personalmente   ero   fidanzata   con   un   ragazzo   piuttosto in   sovrappeso   e   non   gli   ho   mai   fatto   pesare   (è   il   caso   di dirlo)    la    situazione.    Beh,    lui    non    ci    ha    pensato    due volte a dirmi che non provava più attrazione per me. Una   gran   bella   botta   di   incoraggiamento   per   la   mia immagine     dopo     una     mastectomia     e     una     terapia chemioterapica.    Proprio    quello    che    tutte    le    donne aspettano   di   sentirsi   dire.   Ma   va   bene   così.   Vogliatevi bene.

LA MENTE CURA

LA TUA IMMAGINE

Il     vostro     stato     d’animo     influisce     sulla     vostra immagine :   tristezza   e   preoccupazioni   fanno   male   ai nostri   organi   e   alle   nostre   cellule   e,   di   conseguenza, anche alla nostra pelle. Se    poi    ci    mettiamo    il    carico    di    tutte    le    terapie oncologiche      e     farmacologiche,      il     gonfiore     e     il colorito     cadaverico,     per     un     periodo     di     tempo indefinito,     potrebbero     essere     parte     della     vostra quotidianità appena vi guardate allo specchio. Quel    che    posso    dirvi    è    che    sarà    solo    una    fase transitoria.     Pensate     a     quando     starete     bene     e ritornerete   con   i   vostri   colori   naturali   e   vi   sgonfierete. La   cura   è   per   il   vostro   bene.   Tutto   quello   che   state facendo è per il vostro bene. Non   abbiate   rancore   o   risentimento,   perchè   non   vi aiutano.    Fate    pace    con    voi    stesse    e    prendetevi cura di voi. Dentro e fuori . Andate    poco    oltre    i    vostri    blocchi.    Ma    soprattutto i ndividuate   ciò   che   vi   fa   stare   bene   e   quel   che   vi piace fare . Se   non   avete   voglia   di   uscire,   sforzatevi   a   fare   un   giro dell’isolato. Non    ve    la    sentite    di    mangiare?    Bevete    un    tè,    dei frullati di frutta o dei passati di verdura. Andate sempre oltre, poco per volta. Non     avete     proprio     nessuna     voglia     di     truccarvi? Chiamate   un’amica   iperfissata:   sarà   ben   lieta   di   farlo! E soprattutto potrà allietarvi con la sua compagnia. Se   proprio   non   ce   la   fate,   provate   a   chiudere   gli   occhi e svuotare la mente. Certo   non   è   semplice,   anzi   è   molto   difficile.   I   pensieri sono   continui   perchè   il   nostro   cervello   lavora   sempre, anche quando dorme. Concentratevi     su     pensieri     positivi,     su     ricordi piacevoli   e   su   immagini   neutre:   un   tramonto,   un fiore,   un   paesaggio.   Abbinatela   a   una   respirazione profonda:   inspirate   ed   espirate   profondamente   e lentamente dal naso. Se    tornano    pensieri    negativi,    tristezza    o    ansia,    non contrastateli   ma   lasciateli   tornare.   Siate   distaccati   da essi    e    tornate    a    concentrarvi    sui    vostri    pensieri    e ricordi   positivi.   Se   non   riuscite,   ripensate   al   fiore   o   al panorama. Rendete   piacevole   il   vostro   presente   con   i   bei   ricordi, se   non   riuscite,   per   il   momento,   a   vivere   bene   il   vostro presente.
“L’aspetto esteriore  è un meraviglioso  pervertitore della ragione”  Marco Aurelio

IMMAGINE DURANTE LA

CHEMIOTERAPIA: I CAPELLI

Quando    mi    comunicarono    che    avrei    dovuto    fare anche   chemioterapia,   l’ultima   cosa   a   cui   pensai   furono i    capelli.    Primo    perchè    è    l’effetto    collaterale    più conosciuto   e   scontato   di   tutti.   Secondo   perchè   sono sempre     stata     piena     di     capelli     che,     comunque, sarebbero    ricresciuti.     Terzo    perchè    mi    focalizzai    sul fatto   che   sarebbero   stati   solo   3   cicli   a   distanza   di   21 giorni     e     solo     per     una     ulteriore     sicurezza:     con l’intervento, per i medici, io ero guarita al 95%. L’oncologa    mi    consigliò    però    di    tagliarmi    i    capelli corti,   più   corti   che   potevo .   Non   li   tagliavo   così   corti dall’adolescenza.     I     capelli     iniziai     a     perderli     quasi subito,   tra   il   primo   e   il   secondo   ciclo   di   chemioterapia. Ed   è   vero   che   cadono   a   ciocche,   è   vero   che   li   lasci   sul cuscino,   sui   vestiti   e   in   giro   per   casa.   Mi   sentivo   come se   stessi   facendo   la   muta.   Ma   avendo   parecchi   capelli ancora     non     avvertivo     necessità     di     parrucche     o copricapi,   anche   perchè   era   ancora   agosto.   Dopo   il secondo    ciclo    diventai    come    Smidol    de    “Il    Signore degli    Anelli”,    sia    per    i    capelli    che    per    il    colorito tendente    al    verdino.    L’idea    della    parrucca    non    mi entusiasmava   perchè   faceva   caldo   e,   conoscendomi, non   l’avrei   di   certo   sopportata   a   lungo.   Così   optai   per foulard   colorati,   che   un   buon   tutorial   su   you   tube   mi insegnò   a   legare,   per   essere   presentabile   anche   con un   turbante   in   testa.   Un   appunto:   se   deciderete   di mettere      il      foulard      invece      che      utilizzare      la parrucca,   siate   consapevoli   che   sarà   chiaro   a   tutta la        collettività        quel        che        state        facendo: chemioterapia    perchè    avete    (avuto)    un    cancro. Beh,    fate    finta    di    niente.    Siate    libere    e    leggere.   Sotto   il   turbante   o   la   parrucca   i   capelli   ricresceranno   e saranno    veramente    più    forti    e    corposi    di    prima. Potrebbero    anche    cambiare    colore    e    potrebbero, come   è   successo   a   me,   crescere   ricci.   Ciò   mi   colse   un po’   impreparata.   Avendo   sempre   avuto   i   capelli   lisci come   spaghetti   non   sapevo   proprio   come   gestirli.   E non    avevo    ovviamente    nessunissima    intenzione    o forza    di    tagliare    quei    due    centimetri    faticosamente guadagnati.    E    anche    lì    potreste    non    riconoscere    la vostra   immagine.   Tenerti   un   cespuglio   in   testa   non   è sicuramente      di      aiuto,      così      sperimentai      nuove acconciature   con   gel   e   fermagli.   Ma   il   tempo   passa   e   i capelli   crescono   molto   più   velocemente   di   quanto   si pensi.   I   ricci   si   appesantiscono   e   lasciano   spazio   a   un bellissimo     mosso     chemio     che     tutte     le     donne     vi invidieranno!    
“Gli specchi dovrebbero pensare più a lungo prima di riflettere” - Jean Cocteau
LA NUOVA VITA