ALIMENTAZIONE: PRIMA DEL CANCRO

Prima del cancro  la mia alimentazione non era delle migliori. Anzi. Un’ alimentazione   corretta    può   essere   uno   degli   strumenti   fondamentali   per   la   lotta   o   la   prevenzione   di   tumori   e   malattie   neoplastiche,   ma   anche   per   la prevenzione   di   altre   patologie    come   colesterolo,   diabete   e   ipertensione .   Questo   pensiero,   però,   non   faceva   assolutamente   parte   della   mia   vita,   presa com’ero   nella   ricerca   spasmodica   di   un   lavoro   che   non   fosse   precario   e   nella   barcollante   costruzione   di   una   relazione   con   quel   che   si   spacciava   per   essere   il   mio fidanzato.   Ho   sempre   avuto   un   rapporto   un   po’   controverso   con   il   cibo,   fin   da   piccola.   Non   ero   una   gran   mangiona   e   i   miei   ogni   tanto   mi   rincorrevano   per   casa con   il   piatto   in   mano   pur   di   farmi   mangiare,   finchè   il   pediatra   non   disse   a   mia   madre   che   ciò   che   mangiavo,   evidentemente,   bastava   al   mio   organismo.   Il problema   era   cosa   mangiavo .   Non   sono   mai   stata   un’amante   della   carne   e   del   pesce,   pochi   formaggi,   pochissime   verdure,   pochissima   frutta.   Pasta   e   pizza   con moderazione.   Ma   tante   schifezze.   Per   schifezze   intendo   tutti   i   prodotti   industriali   che   può   vendere   un   supermercato   nel   reparto   dedicato   ai   dolci   e   tutto   quello che   può   venirvi   in   mente   di   trovare   in   una   pasticceria   tradizionale.   Ho   sempre   amato   i   dolci.   Più   erano   ricchi   di   creme,   più   mi   piacevano.   Caramelle,   cioccolata, gelati,   merendine,   biscotti,   insomma,   tutto   quello   che   era   dolce   e   ricco   di   creme   riuscivo   a   fagocitarlo   in   quantità   esagerate.   Sparivano   sacchetti   di   caramelle   in poco più di un’ora, cioccolattini in due ore, per non parlare delle uova di Pasqua o dei pasticcini. Insomma, una vera drogata di zucchero. Ma   l’ alimentazione   è   una   scelta   di   cuore,   più   che   di   stomaco.   Molto   spesso,   chi   mangia   esageratamente   o   sceglie   più   o   meno   consapevolmente   determinati alimenti che non nutrono il nostro corpo , nasconde la necessità di un appagamento, il bisogno di riempire una mancanza o un vuoto esistenziale. E’ dura ammetterlo ma questi “alimenti” non risolvono nessun tipo di problema e fanno male il doppio.

LO ZUCCHERO: L’AMORE DELLA MIA VITA CHE NON VUOLE ANDARSENE

Lo   zucchero .   Lui   si   che   ha   saputo   consolarmi   nel   momento   del   bisogno.   Sempre   disponibile,   a   portata   di   portafoglio   anche   per   una   bambina,   sempre   presente in   casa.   L’unico   che   non   ti   abbandona   mai,   neanche   quando   decidi   che   la   relazione   è   durata   abbastanza   ed   è   ora   di   troncarla.   E   sapete   perchè?   Perchè   anche   se decidi   di   non   comprare   più   nulla   di   dolce   al   supermercato   o   di   vietarti   l’ingresso   in   pasticceria,   subdolamente   si   infila   nel   pane,   nelle   conserve   di   pomodoro   e persino   nella   maionese,   restando   sempre   all’interno   di   un   supermercato.   E   così   impari   a   leggere   le   etichette   di   tutti   gli   ingredienti,   cercando   di   evitarlo   come   la peste, ma sapendo che si potrà nascondere sotto mentite spoglie e avere altri nomi.
MENU
SOCIAL
SITI AMICI lorem ipsum
CONTATTI lorem ipsum
Copyright 2018
     

ZUCCHERO NATURALE

MIELE, MALTI, FRUTTA, VERDURA, SCIROPPO D’ACERO  Come detto, lo zucchero è ovunque, anche quello naturale perchè già presente in alimenti come frutta e verdura, ma anche nella pasta. E allora come fare? Consumare questi alimenti con moderazione, all’interno di un programma alimentare corretto, seguendo diversi principi base di abbinamento.
  

ZUCCHERO ARTIFICIALE

ZUCCHERO DI CANNA, FRUTTOSIO, GLUCOSIO, SACCAROSIO  E ancora aspartame, sorbitolo, sucralosio. Insomma, lo zucchero che fa male ha molti nomi e molte facce. Ma perchè viene usato così tanto anche dove non serve? Per due motivi: conserva meglio i cibi con un basso costo e altera il sapore di ogni alimento facendocelo sembrare più buono. Come una droga.
LA NUOVA VITA

ALIMENTAZIONE

HOME ALIMENTAZIONE ATTIVITA' FISICA FARMACI E NATURA PSICOLOGIA IMMAGINE YOGA E MEDITAZIONE BLOG   
WCRF World Cancer Research Fund International FONDO MONDIALE PER LA RICERCA SUL CANCRO 10 RACCOMANDAZIONI CHE AIUTANO LA PREVENZIONE AI TUMORI E A CONTRASTARE LE RECIDIVE: 1. MANTENERSI SNELLI TUTTA LA VITA 2. MANTENERSI FISICAMENTE ATTIVI TUTTI I GIORNI 3. LIMITARE IL CONSUMO DI ALIMENTI AD ALTA DENSITA’ CALORICA ED EVITARE BEVANDE ZUCCHERATE 4. BASARE L’ALIMENTAZIONE SU CIBI VEGETALI, CON CEREALI INTEGRALI E LEGUMI E UN’AMPIA VARIETA’ DI VERDURA E FRUTTA 5. LIMITARE IL CONSUMO DI CARNI ROSSE ED EVITARE IL CONSUMO DI CARNI CONSERVATE 6. LIMITARE IL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE 7. LIMITARE IL CONSUMO DI SALE E DI CIBI CONSERVATI SOTTO SALE 8. EVITARE I CIBI CONTAMINATI DA MUFFE 9. ASSICURARSI UN APPORTO SUFFICIENTE DI TUTTI I NUTRIENTI ESSENZIALI ATTRAVERSO IL CIBO 10. ALLATTARE I BIMBI AL SENO PER ALMENO 6 MESI
“Non esiste nulla che non possa essere risolto con un sorriso e un buon pranzo” - Anonimo

ALIMENTAZIONE: DOPO IL CANCRO

Dopo il cancro,  anzi, dopo la notizia del cancro, la mia alimentazione  cambiò radicalmente. Da   qualche   tempo   avevo   in   mente   di   abbracciare   la   filosofia   vegetariana,   con   grande   opposizione   del   mio   ex,   che   mi   reputava   così   facilmente   influenzabile   da alcune   mie   amiche   vegetariane   da   decenni   e   che   godevano   (e   godono   tutt’ora)   di   ottima   salute.   Ma   come   già   detto,   tutto   quello   che   reputate   possa   essere positivo   per   il   vostro   benessere,   è   ora   di   metterlo   in   pratica.   E   mi   informai,   su   internet.   E   rilessi,   più   attentamente,   tutto   ciò   che   dovevo   evitare.   E   chiesi   ai medici,   che   mi   diedero   pareri   discordanti   sul   seguire   o   meno   determinati   stili   di   alimentazione.   Uno   di   loro   mi   disse   persino   che   gli   studi   che   demonizzano   lo     zucchero,    che   alimenta   la   produzione   delle   cellule   cancerose   se   sono   presenti   nel   nostro   organismo,   erano   studi   basati   sugli   anni   ‘60,   quindi   vecchi   e poco   realistici   da   rapportare   al   giorno   d’oggi.   E   studiai   libri   sull’alimentazione   e   sulle   varie   teorie,   e   partecipai   a   corsi   di   cucina   naturale   e   corsi   sulla   corretta alimentazione.   Insomma,   cercai   di   documentarmi   a   360   gradi   per   capire    cosa   mangiare   e   come   mangiare :   non   per   ingurgitare,   non   per   riempire   un   vuoto, ma per nutrire correttamente un corpo che mi chiedeva e mi chiede attenzione costante .
PIRAMIDE ALIMENTARE

Vegetariana

L’ alimentazione   vegetariana   è   sicuramente   uno   dei   mezzi   che   abbiamo   a disposizione   per   la   prevenzione   di   molte   malattie   degenerative   e   della riduzione delle recidive . L’alimentazione   vegetariana,   in   linea   generale,   è   basata   sull’esclusione   di carne   e   pesce,   ma   ammette   invece   i   prodotti   di   origine   animale   come   latte, formaggi e uova. Quali sono i vantaggi di una alimentazione vegetariana ? Eccone alcuni: aumenta la resistenza fisica evita la stitichezza riduce il rischio di sovrappeso e obesità Ma l’ alimentazione vegetariana può avere diverse varianti: latto-ovo-vegetariana,     che     permette     di     nutrirsi     di     vegetali,     di microorganismi   (muffe   e   batteri)   e   di   alimenti   derivanti   dagli   animali, come uova, latte, formaggi. latto-vegetariana,   che   esclude   anche   le   uova,   ma   comprende   latte   e   i derivati. ovo-vegetariana, invece, esclude il latte e i derivati ma non le uova.

Vegana

L’ alimentazione   vegana,   oltre   a   escludere   alimenti   di   origine   animale, esclude anche i suoi derivati come latte, uova e formaggi. L’ alimentazione   vegana    si   basa   su   alimenti   vegetali   come   verdura,   frutta, cereali     integrali,     legumi,     semi     oleaginosi     e     frutta     secca.          Inoltre, l’ alimentazione vegana  può essere integrata con seitan, tofu e tempeh. Come   l’ alimentazione    vegetariana,   anche   quella    vegana    offre   notevoli vantaggi per la nostra salute: favorisce il dimagrimento previene l’osteoporosi migliora la digestione Bisogna,   però,   fare   attenzione   a   non   compensare   con   alimenti   vegani,   ma poco   salutari,   come   i   prodotti   confezionati,   per   esempio   i   burgher   vegetali. Occhio   sempre   alle   etichette:   non   è   detto   che   vegano   sia   sinonimo   di sano.     Se    fate    attenzione,    molto    spesso    sono    indicati    negli    ingredienti zucchero   o   derivati   dello   zucchero   come   lo   sciroppo   di   glucosio,   oppure aromi naturali o farina di tipo 0. Se    avete    voglia    di    un    burger    vegetale,    partite    dalle    materie    prime    e utilizzate le spezie per insaporirli: sarà naturale e più buono!

Macrobiotica

Mediterranea

L’ alimentazione   macrobiotica    consiste   nel   consumo   di   cereali   integrali   e verdure,   legumi   e   frutta,   bandisce   gli   alimenti   raffinati   e   industriali   come   lo zucchero e le conserve, e limita il consumo di alimenti di origine animale. L’ alimentazione     macrobiotica      deriva     da     una     filosofia     orientale     di equilibrio   tra   corpo,   spirito   e   mente   anche   attraverso   l’abbinamento   dei cibi   che   ci   permettono   di   migliorare   la   nostra   vita.   Infatti,   l’ alimentazione macrobiotica   raggruppa   i   cibi   in   due   categorie   -   lo   yin   e   lo   yang   -   che   sono anche   i   due   principi   cosmici,   due   entità   opposte   e   complementari   che formano   la   totalità.   Abbinare   il   cibo   in   base   a   questi   principi   permette   di creare l’equilibrio energetico adatto per il nostro corpo. Ecco alcuni vantaggi di un’ alimentazione macrobiotica: tiene sotto controllo la glicemia aiuta a prevenire la demenza senile riduce il diabete Ma    quali    sono    i    cibi    che    producono    questa    armonia    energetica    nella macrobiotica ?    Ovviamente    i    cereali    integrali    e    i    legumi,    le    verdure    di stagione,    la    frutta,    sale    marino    integrale,    erbe    aromatiche,    alghe,    olio estravergine di oliva, gomasio. Nell’equilibrio        dei        cibi,        molto        importante        nell’ alimentazione macrobiotica     è    il    tipo    di    cottura:    carote    bollite    o    zucchine    al    forno, determinano una energia yin o yang diversa.
L’ alimentazione     mediterranea     è     tipica     di     alcuni     paesi     del     bacino mediterraneo    come    Spagna,    Italia,    Grecia    e    Marocco.    L’ alimentazione mediterranea    (quella   vera)    si   fonda   sul   consumo   prevalente   di   cereali, integrali,   frutta,   verdura,   olio   di   oliva,   semi   e   raramente   di   carni   rosse   e grassi    animali.    L ’alimentazione    mediterranea    consente    un    consumo moderato di latticini, pesce, carne bianca, legumi, uova, vino rosso, dolci. Gli   alimenti   di   origine   vegetale   è   importante   che   siano   freschi,   di   stagione e   a   km   zero.   Negli   ultimi   decenni,   l’ alimentazione   mediterranea    è   stata contaminata     dall’arrivo     di     prodotti     provenienti     da     altri     paesi,     ma soprattutto   dalla   massiccia   introduzione   di   alimenti   sempre   più   lavorati   a livello   industriale,   da   cibi   pronti,   cibi   in   scatola   e   cibi   surgelati.   La   vera natura    della    nostra    dieta,    cosi    come    dell’ alimentazione    vegetariana, vegana   e   macrobiotica,    oltre   a   essere   basati   su   un   consumo   prevalente di   prodotti   di   origine   vegetale,   punta   sulla   qualità   e   sulla   freschezza   degli stessi.   Sicuramente,   per   la   vita   frenetica   che   quasi   ognuno   di   noi   conduce, è   più   pratico   e   veloce   comprare   l’insalata   nelle   buste,   lavata   e   tagliata,   ma teniamo    conto    del    maggiore    rischio    di    batteri    e    del    minore    apporto nutrizionale      che      questa      scelta      comporta.      Potremo      sicuramente risparmiare   tempo,   ma   non   ha   molto   senso   acquistare   un   prodotto   che reputiamo   sano,   ma   che   alla   fine   non   ci   dà   appieno   i   nutrimenti   di   cui   il nostro corpo necessita.

Per saperne di più andate al blog!

ALIMENTAZIONE DURANTE LA CHEMIOTERAPIA

Durante    la   chemioterapia   l’alimentazione   è   molto   importante.   Non   solo   perchè   dobbiamo   mantenerci   in   forza,   ma   soprattutto   perchè   l’ alimentazione   durante   la   chemioterapia   e   dopo,   può   essere   vista   come   una   vera   e   propria   terapia   per   curarsi   al   meglio   e   prendersi   cura   di   sè.   Inutile   scrivere   che   ho   sentito   e   visto   di tutto   e   il   contrario   di   tutto   in   quel   periodo   della   mia   vita,   come   le   volontarie   che   al   day   hospital   oncologico   offrivano   alle   pazienti,   succhi   di   frutta,   the   e   biscotti, ovviamente tutto a base di zucchero. Ecco perciò un elenco, per sommi capi, di ciò che è meglio mangiare o ridurre drasticamente.* *   Le   indicazioni   sono   state   studiate   e   raccolte   confrontando   diversi   siti   istituzionali   e   libri   di   settore.   La   partecipazione   ai   seminari   di   alimentazione   tenuti   da   istituti ospedalieri, mi ha permesso inoltre di approfondire alcune tematiche e chiarire molti dubbi. Troverete tutti i riferimenti nella sezione “Informazioni” del sito.        
“Fa’ che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”  - Ippocrate
1
2
MENU
SOCIAL
SITI AMICI Lorem Ipsum
CONTATTI Lorem Ipsum

ZUCCHERO NATURALE

MIELE, MALTI, FRUTTA, VERDURA, SCIROPPO D’ACERO  Come detto, lo zucchero è ovunque, anche quello naturale perchè già presente in alimenti come frutta e verdura, ma anche nella pasta. E allora come fare? Consumare questi alimenti con moderazione, all’interno di un programma alimentare corretto, seguendo diversi principi base di abbinamento.
  

ZUCCHERO ARTIFICIALE

ZUCCHERO DI CANNA, FRUTTOSIO,  GLUCOSIO, SACCAROSIO  E ancora aspartame, sorbitolo, sucralosio. Insomma, lo zucchero che fa male ha molti nomi e molte facce. Ma perchè viene usato così tanto anche dove non serve? Per due motivi: conserva meglio i cibi con un basso costo e altera il sapore di ogni alimento facendocelo sembrare più buono. Come una droga.
  
LA NUOVA VITA

ALIMENTAZIONE:

PRIMA DEL CANCRO

Prima   del   cancro    la   mia   alimentazione   non era delle migliori. Anzi. Un’ alimentazione    corretta     può    essere    uno degli   strumenti   fondamentali   per   la   lotta   o   la prevenzione        di        tumori        e        malattie neoplastiche,   ma   anche   per   la   prevenzione di   altre   patologie    come   colesterolo,   diabete e    ipertensione .    Questo    pensiero,    però,    non faceva    assolutamente    parte    della    mia    vita, presa   com’ero   nella   ricerca   spasmodica   di   un lavoro      che      non      fosse      precario      e      nella barcollante   costruzione   di   una   relazione   con quel     che     si     spacciava     per     essere     il     mio fidanzato.    Ho    sempre    avuto    un    rapporto    un po’   controverso   con   il   cibo,   fin   da   piccola.   Non ero   una   gran   mangiona   e   i   miei   ogni   tanto   mi rincorrevano   per   casa   con   il   piatto   in   mano   pur di   farmi   mangiare,   finchè   il   pediatra   non   disse a      mia      madre      che      ciò      che      mangiavo, evidentemente,    bastava    al    mio    organismo.    Il problema   era   cosa   mangiavo .   Non   sono   mai stata   un’amante   della   carne   e   del   pesce,   pochi formaggi,     pochissime     verdure,     pochissima frutta.    Pasta    e    pizza    con    moderazione.    Ma tante    schifezze.    Per    schifezze    intendo    tutti    i prodotti     industriali     che     può     vendere     un supermercato   nel   reparto   dedicato   ai   dolci   e tutto    quello    che    può    venirvi    in    mente    di trovare    in    una    pasticceria    tradizionale.    Ho sempre    amato    i    dolci.    Più    erano    ricchi    di creme,       più       mi       piacevano.       Caramelle, cioccolata,        gelati,        merendine,        biscotti, insomma,   tutto   quello   che   era   dolce   e   ricco   di creme     riuscivo     a     fagocitarlo     in     quantità esagerate.   Sparivano   sacchetti   di   caramelle   in poco   più   di   un’ora,   cioccolattini   in   due   ore,   per non     parlare     delle     uova     di     Pasqua     o     dei pasticcini.     Insomma,     una     vera     drogata     di zucchero. Ma    l’ alimentazione    è    una    scelta    di    cuore, più   che   di   stomaco.   Molto   spesso,   chi   mangia esageratamente      o      sceglie      più      o      meno consapevolmente    determinati    alimenti    che non    nutrono    il    nostro    corpo ,    nasconde    la necessità    di    un    appagamento,    il    bisogno    di riempire       una       mancanza       o       un       vuoto esistenziale. E’   dura   ammetterlo   ma   questi   “alimenti”   non risolvono    nessun    tipo    di    problema    e    fanno male il doppio.
HOME ALIMENTAZIONE ATTIVITA' FISICA FARMACI E NATURA PSICOLOGIA IMMAGINE YOGA E MEDITAZIONE BLOG

LO ZUCCHERO: L’AMORE

DELLA MIA VITA CHE NON

VUOLE ANDARSENE

Lo    zucchero .    Lui    si    che    ha    saputo    consolarmi    nel momento   del   bisogno.   Sempre   disponibile,   a   portata di     portafoglio     anche     per     una     bambina,     sempre presente   in   casa.   L’unico   che   non   ti   abbandona   mai, neanche    quando    decidi    che    la    relazione    è    durata abbastanza   ed   è   ora   di   troncarla.   E   sapete   perchè? Perchè   anche   se   decidi   di   non   comprare   più   nulla   di dolce     al     supermercato     o     di     vietarti     l’ingresso     in pasticceria,    subdolamente    si    infila    nel    pane,    nelle conserve    di    pomodoro    e    persino    nella    maionese, restando   sempre   all’interno   di   un   supermercato.   E   così impari    a    leggere    le    etichette    di    tutti    gli    ingredienti, cercando   di   evitarlo   come   la   peste,   ma   sapendo   che   si potrà   nascondere   sotto   mentite   spoglie   e   avere   altri nomi.
WCRF World Cancer Research Fund International FONDO MONDIALE PER LA RICERCA SUL CANCRO 10 RACCOMANDAZIONI CHE AIUTANO LA PREVENZIONE AI TUMORI E A CONTRASTARE LE RECIDIVE: 1. MANTENERSI SNELLI TUTTA LA VITA 2. MANTENERSI FISICAMENTE ATTIVI TUTTI I GIORNI 3. LIMITARE IL CONSUMO DI ALIMENTI AD ALTA DENSITA’ CALORICA ED EVITARE BEVANDE ZUCCHERATE 4. BASARE L’ALIMENTAZIONE SU CIBI VEGETALI, CON CEREALI INTEGRALI E LEGUMI E UN’AMPIA VARIETA’ DI VERDURA E FRUTTA 5. LIMITARE IL CONSUMO DI CARNI ROSSE ED EVITARE IL CONSUMO DI CARNI CONSERVATE 6. LIMITARE IL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE 7. LIMITARE IL CONSUMO DI SALE E DI CIBI CONSERVATI SOTTO SALE 8. EVITARE I CIBI CONTAMINATI DA MUFFE 9. ASSICURARSI UN APPORTO SUFFICIENTE DI TUTTI I NUTRIENTI ESSENZIALI ATTRAVERSO IL CIBO 10. ALLATTARE I BIMBI AL SENO PER ALMENO 6 MESI
“Fa’ che il cibo sia la tua  medicina e la  medicina sia il tuo cibo”  - Ippocrate

ALIMENTAZIONE:

DOPO IL CANCRO

Dopo   il   cancro,    anzi,   dopo   la   notizia   del   cancro,   la mia alimentazione  cambiò radicalmente. Da   qualche   tempo   avevo   in   mente   di   abbracciare filosofia    vegetariana,    con    grande    opposizione del    mio    ex,    che    mi    reputava    così    facilmente influenzabile    da    alcune    mie    amiche    vegetariane da   decenni   e   che   godevano   (e   godono   tutt’ora)   di ottima   salute.   Ma   come   già   detto,   tutto   quello   che reputate     possa     essere     positivo     per     il     vostro benessere,    è    ora    di    metterlo    in    pratica.    E    mi informai,   su   internet.   E   rilessi,   più   attentamente, tutto   ciò   che   dovevo   evitare.   E   chiesi   ai   medici,   che mi   diedero   pareri   discordanti   sul   seguire   o   meno determinati   stili   di   alimentazione.   Uno   di   loro   mi disse    persino    che    gli    studi    che    demonizzano    lo      zucchero,         che    alimenta    la    produzione    delle cellule   cancerose   se   sono   presenti   nel   nostro organismo,    erano    studi    basati    sugli    anni    ‘60, quindi    vecchi    e    poco    realistici    da    rapportare    al giorno    d’oggi.    E    studiai    libri    sull’alimentazione    e sulle    varie    teorie,    e    partecipai    a    corsi    di    cucina naturale     e     corsi     sulla     corretta     alimentazione. Insomma,   cercai   di   documentarmi   a   360   gradi   per capire     cosa    mangiare    e    come    mangiare :    non per   ingurgitare,   non   per   riempire   un   vuoto,   ma per    nutrire    correttamente    un    corpo    che    mi chiedeva e mi chiede attenzione costante .
PIRAMIDE ALIMENTARE

Vegetariana

L’ alimentazione    vegetariana    è    sicuramente    uno dei     mezzi     che     abbiamo     a     disposizione     per     la prevenzione    di    molte    malattie    degenerative    e della     riduzione     delle     recidive .      L’alimentazione vegetariana,       in       linea       generale,       è       basata sull’esclusione   di   carne   e   pesce,   ma   ammette   invece i   prodotti   di   origine   animale   come   latte,   formaggi   e uova.   Quali   sono   i   vantaggi   di   una   alimentazione vegetariana ? Eccone alcuni: aumenta la resistenza fisica evita la stitichezza riduce il rischio di sovrappeso e obesità Ma   l’ alimentazione   vegetariana   può   avere   diverse varianti: latto-ovo-vegetariana,   che   permette   di   nutrirsi di   vegetali,   di   microorganismi   (muffe   e   batteri) e    di    alimenti    derivanti    dagli    animali,    come uova, latte, formaggi. latto-vegetariana,   che   esclude   anche   le   uova, ma comprende latte e i derivati. ovo-vegetariana,    invece,    esclude    il    latte    e    i derivati ma non le uova.

Vegana

L’ alimentazione   vegana,   oltre   a   escludere   alimenti di    origine    animale,    esclude    anche    i    suoi    derivati come latte, uova e formaggi. L’ alimentazione   vegana    si   basa   su   alimenti   vegetali come      verdura,      frutta,      cereali,      legumi,      semi oleaginosi    e    frutta    secca.    Inoltre,    l’ alimentazione vegana     può    essere    integrata    con    seitan,    tofu    e tempeh. Come    l’ alimentazione     vegetariana,    anche    quella   vegana  offre notevoli vantaggi per la nostra salute: favorisce il dimagrimento previene l’osteoporosi migliora la digestione Bisogna,   però,   fare   attenzione   a   non   compensare con     alimenti     vegani,     ma     poco     salutari,     come possono     essere     i     prodotti     confezionati     come     i burgher   vegetali.   Occhio   sempre   alle   etichette:   non è   detto   che   vegano   sia   sinonimo   di   sano.    Se   fate attenzione,      molto      spesso      sono      indicati      negli ingredienti   zucchero   o   derivati   dello   zucchero   come lo    sciroppo    di    glucosio,    oppure    aromi    naturali    o farina di tipo 0. Se    avete    voglia    di    burgher    vegetale,    partite    dalle materie   prime   e   utilizzate   le   spezie   per   insaporirli: sarà naturale e più buono!

ALIMENTAZIONE

Macrobiotica

L’ alimentazione       macrobiotica        deriva       dalla filosofia   orientale   della   creazione   di   un   equilibrio di     energie     antagoniste     e     complementari     da applicare      con      l’abbinamento      di      determinati alimenti    per    favorire    di    conseguenza    l’equilibrio tra spirito e corpo. Nell’ alimentazione    macrobiotica     vale    il    detto: “Siamo    quello    che    mangiamo”,    perchè    oltre    a essere   una   scelta   alimentare,   la   macrobiotica    è uno    stile    di    vita.    Un    perfetto    abbinamento    di alimenti   di   origine   naturale    che,   oltre   a   nutrire in   modo   sano   il   nostro   corpo,   nutrono   la   nostra mente e il nostro spirito. L’ alimentazione    macrobiotica     si    basa    su    cibi naturali   non   raffinati   come   i   cereali   integrali   (riso integrale,     grano     saraceno,     miglio,     orzo,     mais, segale    e    avena),    verdure    e    legumi.    Si    devono evitare     alimenti     di     origine     animale     e     i     cibi industriali, lo zucchero e le farine raffinate. Non    si    deve    eccedere    con    le    spezie    e    con    i formaggi.    La    frutta    è    possibile    consumarla    con moderazione e mangiare frutta fresca di stagione. E’    possibile    integrare    con    semi    -    sesamo,    di girasole    e    di    zucca    -    ,    frutta    secca    -    arachidi, nocciole, noci -  spezie e pesce.  Utilizzare   con   moderazione,   sale   marino,   zenzero, senape,   aceto   di   mele,   aglio,   succo   di   limone   e   di mela per insaporire le pietanze. Nell’ alimentazione    macrobiotica,     per    usufruire di   tutti   i   benefici,   è   necessario   saper   combinare   il giusto    equilibrio    tra    alimenti    yin    (cibi    freddi, acidi) e alimenti yang (cibi caldi, alcalini).

Mediterranea

L’ alimentazione   mediterranea   è   tipica   di   alcuni paesi     del     bacino     mediterraneo     come     Spagna, Italia,       Grecia       e       Marocco.       L’ alimentazione mediterranea    (quella   vera)    si   fonda   sul   consumo prevalente   di   cereali,   integrali,   frutta,   verdura,   olio di   oliva,   semi   e   raramente   di   carni   rosse   e   grassi animali.   L ’alimentazione   mediterranea   consente un    consumo    moderato    di    latticini,    pesce,    carne bianca, legumi, uova, vino rosso, dolci. Gli   alimenti   di   origine   vegetale   è   importante   che siano   freschi,   di   stagione   e   a   km   zero.   Negli   ultimi decenni,    l’ alimentazione    mediterranea     è    stata contaminata   dall’arrivo   di   prodotti   provenienti   da altri      paesi,      ma      soprattutto      dalla      massiccia introduzione    di    alimenti    sempre    più    lavorati    a livello   industriale,   da   cibi   pronti,   cibi   in   scatola   e cibi    surgelati.    La    vera    natura    della    nostra    dieta, cosi       come       dell’ alimentazione       vegetariana, vegana   e   macrobiotica,    oltre   a   essere   basati   su un    consumo    prevalente    di    prodotti    di    origine vegetale,    punta    sulla    qualità    e    sulla    freschezza degli stessi. Sicuramente,     per     la     vita     frenetica     che     quasi ognuno    di    noi    conduce,    è    più    pratico    e    veloce comprare   l’insalata   nelle   buste,   lavata   e   tagliata, ma   teniamo   conto   del   maggiore   rischio   di   batteri   e del   minore   apporto   nutrizionale   che   questa   scelta comporta. Potremo   sicuramente   risparmiare   tempo,   ma   non ha     molto     senso     acquistare     un     prodotto     che reputiamo    sano,    ma    che    alla    fine    non    ci    appieno     i     nutrimenti     di     cui     il     nostro     corpo necessita.

ALIMENTAZIONE

DURANTE LA

CHEMIOTERAPIA

Durante      la     chemioterapia     l’alimentazione     è molto    importante.    Non    solo    perchè    dobbiamo mantenerci      in      forza,      ma      soprattutto      perchè l’ alimentazione     durante      la     chemioterapia     e dopo,   può   essere   vista   come   una   vera   e   propria terapia   per   curarsi   al   meglio   e   prendersi   cura   di   sè. Inutile   scrivere   che   ho   sentito   e   visto   di   tutto   e   il contrario   di   tutto   in   quel   periodo   della   mia   vita, come   le   volontarie   che   al   day   hospital   oncologico offrivano     alle     pazienti,     succhi     di     frutta,     the     e biscotti,   ovviamente   tutto   a   base   di   zucchero.   Ecco perciò    un    elenco,    per    sommi    capi,    di    ciò    che    è meglio mangiare o ridurre drasticamente.* *    Le    indicazioni    sono    state    studiate    e    raccolte confrontando     diversi     siti     istituzionali     e     libri     di settore.       La       partecipazione       ai       seminari       di alimentazione   tenuti   da   istituti   ospedalieri,   mi   ha permesso   inoltre   di   approfondire   alcune   tematiche e   chiarire   molti   dubbi.   Troverete   tutti   i   riferimenti nella sezione “Informazioni” del sito.        
1
2

Per saperne di più

andate al blog!

“Non esiste nulla che non possa essere risolto con un sorriso e un buon pranzo” - Anonimo
LA NUOVA VITA